NOTIZIE

Accordo attrezzature: ulteriori chiarimenti del Ministero

 

Il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali con la circolare n. 21 del 10 Giugno 2013, fornisce alcuni chiarimenti in merito all’applicazione di alcuni punti specifici dell’Accordo del 22 febbraio 2012 tra il Governo, le Regioni e le Province autonome di Trento e Bolzano sull’individuazione delle attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori, nonché le modalità per il riconoscimento di tale abilitazione, i soggetti formatori, la durata, gli indirizzi ed i requisiti minimi di validità della formazione, in attuazione dell’art.73, comma 5, del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81 e successive modifiche ed integrazioni.

La circolare è articolata in 12 punti:

 

1. Corsi di aggiornamento:  I corsi di aggiornamento in aula possono essere svolti da un solo docente.


2. Riconoscimento di crediti formativi per il modulo giuridico normativo:  Il modulo giuridico formativo deve essere effettuato una sola volta per ognuno dei seguenti gruppi: a) addetti alla conduzione di PLE, (Allegato III); b) addetti alla conduzione di gru per autocarro, gru a torre (Allegato IV,V); c) addetti alla conduzione di carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo (Allegato VI); d) addetti alla conduzione di gru mobili (Allegato VII); e) addetti alla conduzione di trattori agricoli o forestali (Allegato VIII); f) addetti conduzione di macchine per movimento terra (Allegato IX); g) addetti alla conduzione di pompe per calcestruzzo (Allegato X).


3. Durata della validità dell'abilitazione ed aggiornamento:  L’efficacia dell’abilitazione ha durata quinquennale ed il mantenimento è garantito dai corsi di aggiornamento (punto 6.2 dell’Accordo) da effettuarsi ogni 5 anni. 


4. Attrezzature di lavoro per le quali è richiesta una specifica abilitazione degli operatori:  Si richiede l’acquisizione del corrispondente titolo abilitativo per le attrezzature di lavoro: quelle indicate nell’accordo sono da intendersi esaustive e non esemplificative. Sono esclusi dall’elenco: “ponti mobili sviluppati ad azionamento manuale”, le “piattaforme sottoponte sprovviste di comandi in piattaforma”, i “trattori industriali di solo traino rimorchi o altro utilizzati ad esempio in area aereoportuale, area ferroviaria, stabilimenti, magazzini”, i “carrelli industriali semoventi sprovvisti di sedile”, ecc.


5. Riconoscimento della formazione pregressa – decorrenza validità: La formazione pregressa, di cui ai punti 9.1.b) e 9.1 c) dell’Accordo, ha validità quinquennale rispettivamente dalla data di aggiornamento e dalla data di superamento della verifica finale di apprendimento. Per quanto riguarda la formazione pregressa relativa al punto 9.1.a) è riconosciuta senza bisogno di ulteriori condizioni e la validità di 5 anni decorre dall’entrata in vigore dell’Accordo.


6. Riconoscimento della formazione pregressa – documentazione: Per il riconoscimento della formazione pregressa all’entrata in vigore dell’Accordo va presentata la documentazione indicata al punto 9.3 dell’Accordo che ha natura esemplificativa e non tassativa.


7. Allegato III e seguenti, punto 1.0: Il lavoratore deve possedere l’abilitazione per almeno una delle attrezzature elencate nel punto 1,0 dell’Allegato III e seguenti anche se hanno caratteristiche costruttive/funzionali diverse da quelle espressamente previste dallo specifico allegato.


8. Requisiti dei docenti: I requisiti di esperienza documentata dei docenti nel settore della formazione e della prevenzione devono essere contemporaneamente presentati in tutti coloro che svolgono i moduli giuridico e tecnico. Per chi, invece, svolge il modulo pratico è richiesta almeno un’esperienza documentata nelle tecniche di utilizzazione delle attrezzature. Se tutti i requisiti vengono rispettati allora il docente può essere unico.


9. Allegato V: requisiti minimi dei corsi di formazione teorico-pratico per lavoratori addetti alla conduzione di gru a torre: E’ stato chiarito l’aspetto della “Valutazione”. E’ necessario eseguire "almeno 3 delle prove di cui ai punti 3.3.3,3.3.4 e 3.3.5 per le gru a torre sia a rotazione in basso sia a rotazione in alto ", avendo inteso l'Accordo semplificare la previsione da almeno 2 prove per tipo di attrezzatura, di cui ai punti 3.1 "Gru a rotazione in basso" e 3.2 "Gru a rotazione in alto ", ad almeno 3 prove in totale per l'insieme delle attrezzature di cui al punto 3.3.


10. Operatori addetti ai carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo: Si richiede l’acquisizione del corrispondente titolo abilitativo qualora ai carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo siano abbinati accessori, tali che l’attrezzatura di lavoro risultante risponda ad una delle definizioni comprese tra i punti di cui alle lettere da a) ad h) dell’Allegato A del medesimo accordo.


11. Lavoratori del settore agricolo: Per lavoratori agricoli si intendono tutti quei lavoratori che svolgono attività elencate nell’articolo 2135 del codice civile (modificato dal D.Lgs. 18-05-2001, n.228).


12. Dichiarazione: La dichiarazione deve essere redatta dal datore di lavoro o dai lavoratori incaricati e deve dichiarare che gli stessi sono stati formati secondo la normativa.

 

Per maggiori approfondimenti è possibile consultare la Circolare.

free pokerfree poker
Copyright © 2012 Igeam S.r.l.